mercoledì 17 marzo 2010

Qui da noi in Italia

Va bene, un po' è anche colpa nostra che ci mettiamo tanto a fare colazione la mattina che abbiamo dei tempi di ripresa piuttosto lenti, specie ultimamente.
Il tempo della colazione è stato sufficiente per farsi un quadrto attravero gr e rassegne stampe del mondo in cui viviamo.
Il grande capo della Kalmucchia (credo si scriva così) vuole rimanere il re degli scacchi e il re del mondo, Putin tifa per lui.
Il partito di maggioranza e al governo, qui da noi in Italia, vuole manifestare per difendere la democrazia... ma da chi o da cosa difenderla che sono loro che ci governano, amministrano e ricoprono le carice più importanti dello stato?
Un ragazzino rimasto senza paghetta inizia a rapinare tabaccai e lo arrestano.
Un signore rimasto sena lavoro e senza moglie inizia a rapinare farmacie e lo arrestano.
Qualcuno dovrebbe spiegargli l'abc del crimine: volto coperto e solo colpi in cui il rischio è largamente ricoperto dall'aspettativa di guadagno. Se da secoli si ruba nelle banche e nelle gioiellerie ci sarà pure un motivo.
Ci sono altri scandali a sfondo sessuale nell'amministrazione bolognese, donne come merce di scambio, ma l'ex sindaco pensava di regalare una tomba alla sua ex compagna.
Il fatto che ora siano due ex, ognuno a modo loro, dovrebbe farli riflettere su molte cose.
Un monsignore dice che non bisogna vergognarsi di aver votato dc ma di essere comunisti.
Poi non so.
Ora ho spento la radio che per vivere anch'io faccio la mia parte di schifo e, tra l'altro, sono al soldo del gossip... ma di questo non posso raccontare.

©Beach Boys - Fun, Fun, Fun