lunedì 19 luglio 2010

Whatever Works (ma non nel nostro paese)

Vorrei scrivere di questo paese che ormai funziona così per tutto, finché sei educato e chiedi le cose per favore nessuno ti ascolta, pensano semplicemente che tu non abbia tanto bisogno di risposte o fatti.
Ormai lo sanno tutti che se hai veramente bisogno di qualcosa in questo paese, ormai privo di dignità e buone maniere, devi alzare la voce.
La giungla è qui e tutto è orribile.
Semplicemente orribile.
Però non scriverò di questo ma di Whatever Works di Allen che abbiamo visto finalmente ieri e che poi al'uscita dal cinema c'era il tramonto e tutto sembrava bello.
Penso che sia un ottimo film e soprattutto, visto che ultimamente me lo chiedevo come si facesse, esclude completamente la tecnologia (cellulari, internet, computer) dalla storia.
La protagonista addirittura manda delle lettere a casa.
Nessuno però, secondo me, ci fa caso o pensa che il film manchi di veridicità.
Ecco, anche per questo è un storia che funziona.
Perché, come si capisce dal film e dal titolo, se va bene funziona
O una cosa simile, perché credo che l'espressione sia difficile da tradurre in italiano ma che anche il concetto non sia vicino al modo di ragionare di questa grande provincia in cui viviamo.