mercoledì 4 agosto 2010

Editing al servizio del cittadino

Ieri mi è stato fatto notare in questura che la prossima volta che mi succedono cose così problematiche è meglio che vado lì preparata, che scrivo io a casa da sola quello che mi è successo e che poi lo leggo insieme a loro e lo correggiamo.
Mi piace l'idea di avere un ufficiale come editor.
Anche se l'editor in questione è un po' debole con i congiuntivi e usa solo gli indici per scrivere.
In ogni caso, ho fatto notare io, non ci sarà una prossima volta.
Mi auguro.
In serata poi ho preso un libro bellissimo da Beppe di Modo: Il Cartnet del Maggiore Thompson (ed. Elmo - 1955).