sabato 5 febbraio 2011

David

Oggi è pieno di gente in biblioteca, l'aria è più calda ma il cielo è rimasto grigio.
I cani della portiera abbaiavano molto e di prima mattina il signore che vende baguette ha corretto per due volte il mio accento.
All'inizio mi sentivo un po' a disagio, per la cosa che qui spesso correggono la tua pronuncia e i tuoi erroei, ma ora lo prendo come un atto generativo, aiutano la mia integrazione.
Qui vicino c'è una chiesa molto bella, un po' decadente... ieri sono entrata e ho visto che David non aveva neanche un cero... tutti gli altri Santi avevano un sacco di candele colorate ed erano illuminati e lui invece se ne stava da solo al buio.
Forse non è il motivo migliore per accendere delle candele, ché uno dovrebbe farlo per altri motivi, ma a me dispiaceva per David e allora ne ho accesa una per lui, una verde smeraldo con dei riflessi molto belli.
Secondo me a David ha fatto piacere.