lunedì 7 marzo 2011

13. Un bambino con l'intelleigenza

Quando si sono tutti addormentati nella macchina io ho solo fatto finta. Sono bravissimo a fare finta di dormire perché quando ero piccolo e andavo alla scuola dei piccoli mi facevano sempre dormire dopo pranzo ma io facevo solo finta e rimanevo sveglio ma con gli occhi chiusi.
Ho fatto a scambio con la pistola e ho preso quella di Vik.
A lui gli ho dato la mia che è a Raggi Alfa e mi sono presa la sua che fa paurissima, almeno così, quando tutto finisce tutto il rapimento, io ho una pistola più impaurente e che funziona anche con mamma che le vengono sempre tutte le noie e non si può sopportare.
Io sono uno con l’intelligenza!
In classe sono quasi quello che ha più intelligenza, vengo subito dopo Marco che però non è per niente simpatico e puzza e dice male la erre. Io invece mi faccio la doccia grande tutti i sabati prima di mangiare la pizza e due doccie piccole quando vado a giocare a calcio. Sono sempre tutto improfumato di buono!
Adesso che mi sono venuti pure i Super Poteri sono praticamente perfetto.
InvisibleSuperGuy lo dice sempre nei fumetti che senza intelligenza i super poteri non servono a niente. Infatti lui è uno con l’intelligenza da vendere.
Vik non si è accorto dello scambiamento delle pistole e quando si è svegliato io ho fatto il falso tonto e nessuno si è accorto di niente.
Abbiamo subito ripreso a viaggiare con la nostra automobile perché Vik e Missy vanno molto di fretta e non vogliono che la polizia li prende.
Sono contento che adesso per colazione ci sono sempre le cose che non abbiamo finito la sera. A casa invece trovavo sempre il latte che non mi piace, che quella scema di mia madre lo fa sempre troppo caldo e a me mi fa vomitare quasi come il miele. Nemmeno a papà piace il latte caldo e lei dice sempre che lui mi fa venire le brutte abitudini e che non si bevono le cose fredde di mattina che se no dopo, viene l’infreddamento dentro la pancia.
Stamattina ho mangiato un pezzo di porchetta e ho bevuto la coca cola.
Mia madre mi ha guardato così male che se non aveva l’imbavaglio sono sicuro che urlava.
Anche papà ha l’imbavaglio ma lui non mi guardava male.
A papà la porchetta gli piace un sacco.