mercoledì 21 aprile 2010

Intimità al contrario

Siamo stati a fare delle foto e a passeggiare per una parte di Bologna che non so bene che parte sia, ma che mi piace tantissimo.
Non sembra Bologna, non ci sono i portici, non c'è molto traffico, le case hanno un giardino e sono molto belline, quasi tutte costruite con mattoni rossi.
Nei cortili c'erano anche animali domestici, come cani e gatti.
Sembrava tutto caldo e luminoso e ocra.
Si poteva vedere il cielo se alzavi gli occhi e gli aerei lasciavano le scie rosa del tramonto.
Era come essere in vacanza restando in città.
Un signore era in bagno e si lavava i denti, aveva chiuso la porta del bagno per avere la sua intimità e aperto la finestra che dava sul cortile e poi sulla strada.
In quel momento, quel signore là, era in un certo modo più vicino a noi che guardavamo il suo dentifricio rispetto alla sua famiglia tutta chiusa nelle altre stanze.

©Max Dicarlo - Happy Holydays